Mentre le doti di Vita shampoo sono giá ammirate in tutto il mondo gli ingredienti fondamentali per la realizzazione di questo prestigioso alleato, nella cura dei capelli senza vita, sono meno noti. Permettici di darti piú informazioni sull’argomento. In particolare, vorremmo parlare delle proteine di soia idrolizzate e dei modi in cui questo elemento lavora all’interno del nostro shampoonti-invecchiamento.

Cos'è la proteina di soia idrolizzata?

La proteina di soia idrolizzata deriva dalla soia. La pianta è originaria dell'Asia orientale, dove il suo uso era certo utilizzato molto prima dell'inizio della scrittura.

Si pensa che la soia sia stata scoperta tra il 7000 e il 6600 ac in Cina, tra il 5000 e il 3000 ac in Giappone e circa nel 1000 ac in Corea, e continuò a essere coltivata in territori come gli Stati Uniti, il Brasile e l'Argentina. Questi tre paesi rimangono i tre maggiori produttori mondiali di soia, rappresentando oltre l'80% della produzione mondiale di soia. È da questa pianta che deriva la proteina di soia idrolizzata È quando le proteine della soia sono completamente idrolizzate che gli amminoacidi di soia risultano.

Cosa rende le proteine di soia idrolizzate così importanti nei prodotti cosmetici?

Le proteine di soia idrolizzate hanno da tempo ricevuto un notevole rispetto per la loro efficacia come agente d’idratazione per la pelle e capelli, é in grado di ripristinare l'elasticità e migliorare significativamente l'aspetto generale e il benessere di capelli e pelle. Tuttavia, i principi alla base dell'uso della pianta di soia nei cosmetici non è nuova. Gli ingredienti di origine vegetale erano, dopo tutto, la chiave per i primissimi cosmetici. Gli ingredienti botanici hanno ottenuto apprezzamenti come coloranti naturali, oli profumati e succhi vegetali durante i tempi antichi, quando le nostre società non possedevano ancora una conoscenza approfondita di come la scienza potesse aiutare la ricerca della bellezza. Dalla pulizia e dall'idratazione fino alla copertura delle imperfezioni e al trattamento della pelle, la gamma di applicazioni per le quali le piante erano utilizzate negli ingredienti cosmetici divenne evidente in una fase iniziale della civiltà.

Un ingrediente di notevole valore per il benessere dei capelli

Oggi, l'uso sicuro di proteine di soia è stato stabilito attraverso una ricchezza di cosmetici contemporanei più lussuosi e sofisticati e prodotti per la cura personale. Tali offerte comprendono non solo i prodotti per il corpo, le mani, il viso e il collo, ma anche quelli per i capelli, tra i loro condizionatori numero, coloranti, colori ... e, naturalmente, e l’acclamato Vita shampoo.

Quando la proteina di soia idrolizzata venne prodotta mediante l'idrolisi enzimatica della farina di soia, si trovó l’ingrediente perfetto a migliorare la lucentezza, la consistenza, l’idratazione, la maneggevolezza e il corpo dei loro capelli. I fornitori più prestigiosi al mondo di soluzioni per la cura dei capelli hanno da tempo riconosciuto il valore delle proteine di soia nell'aumentare le proprietà dell'umidità dei capelli, migliorando nello specifico la resistenza e forza per capelli danneggiati da permanente, styling e colore.

Le ricche origini, presente e futuro di una pianta epocale

Gran parte del dibattito scientifico continua a prevalere sull'origine della coltivazione della soia. Tuttavia, le connessioni dichiarate della pianta con la Cina sembrano definitive: i primi documenti del paese si riferiscono ai semi di soia come dono dalla regione della Manciuria e dalla penisola coreana. È stato più recentemente indicato che la semina di forme selvatiche risale a prima del 5000 ac, in diverse località dell'Asia orientale. Fu Samuel Bowen, ex marinaio della Compagnia delle Indie Orientali e anche visitatore della Cina per la prima volta con James Flint, il primo inglese autorizzato dalle autorità cinesi ad imparare il cinese, responsabile della prima introduzione della soia in Nord America nel 1765. Fu con i semi che gli venne regalato da Bowen che Henry Yonge che creò il primo raccolto di soia del "Nuovo Mondo" alli isola di Skidaway, in Georgia.

Oggi i semi di soia continuano a crescere a livello mondiale in centinaia di milioni di tonnellate all'anno, nel 2014 il rendimento medio mondiale per le colture di soia è stato di 2,6 tonnellate per ettaro, con Tailandia, Turchia e Italia che hanno ottenuto risultati impressionanti su questo punteggio. È nei climi caratterizzati da estati calde che la coltivazione della soia ha più successo, le temperature crescenti ottimali sono tra 20 gradi e 30 gradi C, o 68 gradi e 86 gradi F. Mentre ci sono molti terreni diversi in cui la soia può crescere, si tratta di terreni alluvionali umidi con un buon contenuto organico che offrono le condizioni più vantaggiose. In comune con la maggior parte delle piante, i semi di soia crescono in distinti stadi morfologici, sviluppandosi da semi in piante completamente mature, le prime foglie vere che prendono la forma di un paio di singole lame. La lunghezza del giorno è l'innesco per la fioritura, che spesso inizia quando i giorni diventano più brevi di 12.8 ore.
Un piccolo aiuto in più per la bellezza, da Rossano Ferretti
Le piante di soia e la proteina di soia idrolizzata non sono sempre le più notate e apprezzate. Ció nonostante, non c'è dubbio che ci si dovrebbe soffermarsi sul livello stupefacente in cui quest'ultime donano capelli più forti, più radiosi e completamente ringiovaniti. Perché non aderire alla silenziosa rivoluzione della bellezza in cui il nostro Vita shampoo attentamente formulato continua a svolgere un ruolo chiave, con la proteina di soia idrolizzata uno degli ingredienti fondamentali della sua fama?
Il nostro ricco e lussuoso Vita shampoo ti aspetta. Ció che ti manca, è un ordine.